20 curiosità sul fuoco

  1. Il fuoco è una reazione chimica che rilascia luce e calore.
  2. Gli antichi Greci accendevano le torce o appiccavano incendi concentrando la luce solare. Uno specchio parabolico in grado di concentrare i raggi solari viene ancora oggi usato per accendere la torcia olimpica.
  3. La terra è l’unico pianeta conosciuto dove il fuoco può bruciare o appiccarsi spontaneamente. In qualunque altro punto dell’universo non si trova abbastanza ossigeno perché un incendio si verifichi.
  4. Il triangolo del fuoco rappresenta l’unione dei tre componenti che costituiscono un focolare: calore, ossigeno e “carburante”(combustibile). Il fuoco si estingue quando uno di questi componenti manca.
  5. La quantità di ossigeno influenza il colore della fiamma. Un fuoco in bassa concentrazione di ossigeno dà un bagliore giallo. Un fuoco in presenza di quantità elevate di ossigeno brucia con colore blu.
  6. La fiamma di una candela ha la base azzurra perché è il punto in cui “respira” ossigeno, mentre in alto è gialla perché i fumi dal basso in parte soffocano la fiamma superiore.
  7. Il fuoco può generare acqua. Posizionate un cucchiaio freddo sopra una candela e osserverete il vapore acqueo condensato sul metallo. Oppure: la cera contiene idrogeno che si combina con l’ossigeno per generare acqua.
  8. Assumendo costanti le quantità di combustibile, calore e ossigeno, l’incendio di una comune abitazione per ogni minuto che passa  raddoppierà di dimensione.
  9. Il fuoco è più veloce di quanto generalmente si pensi: in determinate condizioni, occorrono meno di trenta secondi perché un incendio diventi molto difficile da controllare.
  10. La fiamma di una candela brucia tipicamente a circa 1000 gradi Celsius (1800 Fahrenheit).
  11. Muoiono più persone per inalazione di fumo che per esposizione diretta alle fiamme. Il fuoco può esigere tutto l’ossigeno presente in una stanza e sostituirlo con fumo tossico e gas prima che le fiamme raggiungano la stanza stessa.
  12. Durante grandi incendi boschivi è possibile che gli alberi “esplodano”, se l’acqua in profondità all’interno dell’albero si trasforma rapidamente in vapore.
  13. Il calore proveniente da un focolare 1 mq basta per uccidere. Può generare fino a 315 gradi Celsius a livello degli occhi, quindi abbastanza caldo da danneggiare i polmoni in caso di inalazione e fondere i vestiti alla pelle.
  14. Se sei in una casa che brucia, potresti non essere in grado di vedere. L’ambiente diventa completamente nero a causa del fumo scuro.
  15. In caso di incendio, potresti non essere in grado di trovare l’uscita anche se hai vissuto in quel luogo per anni perché il fumo può essere estremamente disorientante. Memorizzare in anticipo il tuo piano di fuga e percorrerlo bendato può prepararti a un’eventuale situazione di emergenza.
  16. L’aria ha una concentrazione di ossigeno del 21%. Combinandosi con acetilene, l’ossigeno genera una torcia di saldatura di ossiacetilene che brucia a oltre 5500 gradi Fahrenheit, ed è la fiamma più calda che si possa incontrare.
  17. 4 litri di benzina hanno il potenziale esplosivo di 30 barili di dinamite.
  18. In particolari condizioni è possibile innescare un incendio con il ghiaccio.
  19. A 1.000 gradi Fahrenheit (500°C circa), l’acciaio non protetto al fuoco, non è più considerato materiale strutturale e può crollare sotto il proprio peso durante l’incendio.
  20. Gli incendi forestali si muovono più velocemente in salita che in discesa! Più forte è la pendenza, più veloce è il fuoco.

In collaborazione con Mercor Tecresa.