CAL Fire: struttura e storia

Il California Department of Forestry and Fire Protection (Dipartimento della California per la Protezione da Incendi e Selvicoltura) spesso abbreviato in CalFire, è l’ente dello Stato della California che si occupa di proteggere dagli incendi boschivi le State Responsibility Areas of California (SRA), 125 mila km² di foreste di proprietà pubblica e privata. Inoltre opera in altri 36 stati americani.

Funzione

Viene anche chiamato spesso California Department of Forestry, dato che questo era il nome originario fino agli anni ’90. Il Dipartimento deve gestire più di 5.600 incendi boschivi che bruciano circa 700 km² all’anno.

Ai lavoratori e ai volontari si affiancano spesso i detenuti in libertà vigilata del California Department of Corrections and Rehabilitation.

Inoltre per la manutenzione del verde il CalFire si coordina con il California Conservation Corps mentre il controllo della salute delle piante nelle SRA è compito del Dipartimento stesso.

La flotta dei veicoli è controllata da un ufficio nella città di Davis, nella contea di Yolo.

Struttura

Fondazione1885
Impiegati5,400 permanenti
2,400 stagionali
5,350 volontari
4,300 detenuti
Budget annuale$2.0 miliardi (2016)
ComandanteThom Porter
Caserme237 di proprietà
575 operative
Autopompe343 di proprietà
624 operative
Camion28
Mezzi logistici184
Ambulanze63 unità
NBCR9
Bulldozer59
Mezzi aerei23 air tankers
15 tactical planes
Elicotteri12

Storia

Questa versione fu scritta da Mark V. Thornton nel 1995 che, all’epoca, lavorava per CAL FIRE sotto contratto come consulente storico. Mark stava partecipando al programma di inventario delle proprietà di CAL FIRE per edifici storici e siti archeologici.

CAL FIRE è un’agenzia statale responsabile della protezione delle risorse naturali dagli incendi su specifici terreni designati dal Consiglio di Stato delle foreste (State Board of Forestry) come Aree di Responsabilità Statale (SRA). CAL FIRE gestisce anche il sistema delle foreste demaniali e ha la responsabilità di applicare i regolamenti sulle pratiche forestali, che regolano le pratiche forestali su terreni privati ​​e non federali. Due principali temi caratterizzano la missione CAL FIRE.

Uno è la protezione del legname dello Stato su tutti i terreni non federali da attività di disboscamento improprie e l’altro è la protezione dell’erba, dei cespugli e dei bacini idrici individuati dallo Stato come SRA dagli incendi boschivi. CAL FIRE è una “agenzia di conservazione” con origini derivanti dal “Movimento di conservazione” dello scorso secolo.

Nella seconda metà del 19° secolo, gli americani esprimevano collettivamente preoccupazione per la salute e la disponibilità a lungo termine dell’approvvigionamento di legname della Nazione. Erano allarmati dai resoconti dei giornali dallo sviluppo di una serie di incendi che avevano bruciato milioni di acri nella parte centro-occidentale e dalle continue segnalazioni di massicce distruzioni di legname da parte delle pratiche di recupero del suolo da parte delle aziende agricole e del legname.

L’idea prevalente secondo cui almeno un quinto di una determinata area terrestre dovrebbe essere coperta dagli alberi per sostenere un’industria agricola di successo ha aggiunto peso all’ansia e ha portato a delle riflessioni su come controllare lo sviluppo occidentale sul territorio federale. Una convinzione largamente diffusa che l’America avrebbe potuto trovarsi in una “carestia” di legname ha dato slancio al dialogo.

All’epoca, molti credevano che gli alberi facessero piovere e, rimuovendoli, la Nazione rischiava di convertire i suoi territori occidentali, se non l’intero paese, in un vasto deserto. Inoltre, l’illusione che le foreste dell’America fossero infinite stava cominciando a svanire soprattutto perchè la frontiera americana aveva raggiunto la costa occidentale.

Il XIX secolo fu un periodo di rapida espansione occidentale per l’America e la regola generale era quella di convertire il dominio pubblico (territorio federale) in proprietà privata. Ma un numero crescente di americani desiderava vedere il governo federale ritirare determinate tratte di dominio pubblico dagli insediamenti privati ​​e gestire delle aree di conservazione per le generazioni presenti e future.

Sono emersi due movimenti paralleli per affrontare il problema del pubblico dominio. Uno promuoveva la spinta a “preservare” le meraviglie naturali della nazione dalla privatizzazione. L’altro era per “conservare” le risorse della nazione di alberi da legname.

Si potrebbe dire che il primo fu iniziato nel 1864 quando il governo degli Stati Uniti donò lo Yosemite Grant e Mariposa Grove allo Stato della California. Nel 1866, la legislatura statale della California accettò questa concessione fondiaria con la consapevolezza che le aree dovevano essere gestite a beneficio delle generazioni presenti e future. Sebbene fosse un parco statale, queste due offerte hanno segnato l’inizio di un programma per la costituzione di un parco federale. L’avvento di un vero sistema di parchi nazionali arrivò con la creazione del Parco Nazionale di Yellowstone nel 1872 nel Wyoming, circa 18 anni prima che lo stesso Yosemite diventasse un parco nazionale.

All’esercito degli Stati Uniti fu assegnata la responsabilità di pattugliare e proteggere quest’area. Il ruolo dell’esercito includeva il rilevamento e la soppressione di incendi all’interno dei confini del parco. Non era un compito da poco, considerando le dimensioni, l’attrezzatura grossolana portata a mano e le poche truppe che erano state assegnate. Anche se la fanteria americana era ben lontana dalla professionalità dei vigili del fuoco di oggi, fu comunque l’inizio di un programma federale di protezione antincendio.

Un’idea degna di nota dell’Esercito è stata la creazione di “campeggi”. Questi furono istituiti come un modo per contenere il continuo problema dei fuochi da campo abbandonati. Nel 1890 furono creati i Parchi Sequoia e Grant General e la Riserva della foresta Yosemite. Il successo dell’esercito americano a Yellowstone portò all’implementazione di pattuglie di cavalleria all’interno di questi parchi nel 1891.

Per quanto riguarda la gestione forestale, le leggi per proteggere alcuni tipi di alberi erano presenti sin dai tempi coloniali. La creazione del Dipartimento dell’Agricoltura nel 1862 segna l’inizio di uno sforzo nazionale per proteggere la salute agricola della nazione. Fu solo nel 1875 che il Congresso assegnò $ 2.000 al Dipartimento allo scopo di assumere un agente forestale per indagare sul tema della gestione del legname. Ciò era una novità, dal momento che la disciplina della silvicoltura era nuova e in America c’erano pochissimi forestali preparati. Nel 1881 fu creata una divisione di silvicoltura e nel 1889 il Dipartimento dell’Agricoltura fu elevato a livello governativo.

Nel frattempo, tutta la terra “federale” rimase sotto il controllo del Dipartimento degli Interni, in particolare l’Ufficio Generale della Terra (GLO).

Bernhard Fernow, capo della divisione forestale dal 1886 al 1898, approvò la creazione di riserve forestali, sottolineando la necessità di trasferire il controllo di queste terre dall’ufficio generale del territorio al dipartimento dell’agricoltura. Ciò avrebbe assicurato ai silvicoltori governativi la leva necessaria per attuare le corrette pratiche di gestione del legname. Fernow redasse inoltre uno schema organizzativo che includeva l’idea che i “ranger” sarebbero stati responsabili delle più piccole unità amministrative. La dura opposizione contro la creazione di riserve federali fu superata nel 1891, quando il Congresso approvò la Forest Reserve Act. Al presidente fu concessa l’autorizzazione a ritirarsi definitivamente dal demanio pubblico, zone forestali che considerava di importanza nazionale. Tuttavia, la legge non specificava cosa costituisse la terra “forestale”. Il popolo del sud della California ha fatto tesoro di questo fatto, facendo pressione con successo per la creazione della Riserva forestale di San Gabriel, una regione coperta da sterpaglie il cui valore sta nel suo essere un importante spartiacque per il bacino di Los Angeles. I californiani del sud erano stati a lungo testimoni della devastazione che il fuoco poteva portare. Avevano visto come le colline attaccate dai fuochi d’autunno diventavano un catalizzatore per inondazioni e colate di fango quando arrivavano le piogge invernali.

Ciò, a sua volta, devastava i terreni agricoli nel bacino sottostante. La legge sugli stanziamenti civili di Sundry (legge organica) del 1897 chiarì l’intento della legge sulla riserva forestale e ha specificamente approvato la validità della protezione dei bacini idrografici. In effetti, la protezione del legname costituiva la pietra angolare su cui si appoggiavano le riserve esistenti e si stabilivano le riserve future.

Nonostante gli sforzi di Fernow per ottenere il controllo delle Riserve Forestali dal Dipartimento degli Interni, toccò al suo successore, Gifford Pinchot averla vinta. Pinchot è considerato il “padre” del servizio forestale. Ha lavorato come capo forestale dal 1898 al 1910. La sua stretta amicizia con il presidente Theodore Roosevelt ha indubbiamente svolto un ruolo chiave nell’ordine esecutivo di quest’ultimo, all’inizio del 1905, che ha trasferito la crescente collezione di riserve forestali dal Dipartimento degli Interni al Dipartimento dell’Agricoltura. Se avesse voluto, probabilmente Pinchot avrebbe potuto ottenere il controllo dei parchi federali. Ma Pinchot era un silvicoltore intento a istituire una gestione oculata sulle terre produttrici di legname per uso commerciale. Non era fuori a coltivare alberi per divertimento ricreativo (conservazione utilitaria rispetto alla conservazione estetica). Entro poche settimane dall’ordine di Roosevelt, Pinchot riorganizzò il Dipartimento forestale del Dipartimento dell’agricoltura nel Servizio Forestale degli Stati Uniti. Nel 1907, le Riserve Forestali furono ribattezzate Foreste nazionali.

Il servizio forestale degli Stati Uniti divenne lo strumento principale della nazione, per proteggere le risorse naturali dagli incendi e dallo sfruttamento del legname.

Nel bel mezzo del dibattito nazionale sul merito di avere un sistema federale di riserva forestale, la legislatura statale della California aveva istituito un Consiglio di Stato forestale. Fondato nel 1885, il Consiglio era uno dei primi consigli forestali nominati nella nazione. Furono autorizzati a indagare, raccogliere e diffondere informazioni sulla silvicoltura. Nel 1887, ai membri del Consiglio e ai loro assistenti fu dato il potere di giudici di pace per far rispettare le poche leggi che lo Stato aveva promulgato riguardo ai territori boscati. Si era materializzato un interesse a livello statale per il benessere delle sue risorse naturali. Ma un clima politico ostile alla fine riuscì ad abolire il primo Consiglio di silvicoltura dello Stato, che fu sciolto nel 1893.

All’inizio del XX secolo, alcuni gruppi poco organizzati, tra cui almeno una società di legname, avevano adottato misure per la protezione antincendio di aree incolte su alcune proprietà sparse al di fuori delle Riserve federali. Un grande passo avanti, tuttavia, nel realizzare un impegno a livello statale per proteggere queste aree avvenne nel 1903. Poco dopo aver assunto l’incarico, il governatore George Pardee comunicò a Gifford Pinchot il suo desiderio di uno studio congiunto federale-statale e di un sondaggio sulla situazione forestale in California. C. Raymond Clar, nel suo rapporto Brief History della California Division of Forestry sottolinea che la richiesta di Pardee accelerò gli sforzi di Pinchot per il controllo diretto del sistema federale di riserva forestale e senza dubbio aiutò il presidente Roosevelt.

Earl Warren fu eletto Governatore della California nel 1943. Warren nominò William Moore come direttore del Dipartimento delle risorse naturali. Moore era a conoscenza e un sostenitore del piano Clar. Senza indugio approvò la formazione di sei distretti amministrativi all’interno del CAL FIRE. Incaricò il capo della guardia forestale dello stato di andare, come scrisse più tardi Clar, “in tutto lo Stato per informare i consigli di amministrazione che d’ora in avanti la Divisione di Stato avrebbe dato protezione antincendio allo Stato e ai terreni di proprietà privata come i terreni spartiacque con un numero specifico di vigili del fuoco”.

All’interno di una struttura statale per il servizio di base, le contee avevano la flessibilità di costruire i propri sistemi con le proprie risorse finanziarie come meglio credevano. Ma il vero significato dell’azione di Moore era il fatto che lo Stato della California assumesse e pagasse gli stipendi dei dipendenti stagionali e a tempo pieno nelle operazioni di un dipartimento di protezione antincendio in tutto lo stato. Il governo statale della California era ora inestricabilmente coinvolto nel controllo dei vigili del fuoco nelle terre incolte. La California Division of Forestry aveva raggiunto la maggiore età.

Poco dopo la guerra, sono state raggiunte altre due pietre miliari nella storia del CAL FIRE. L’idea di acquistare terre tagliate e istituire un sistema forestale statale ha raggiunto una legislatura statale che era recettiva nei confronti della silvicoltura. Nel 1945 fu emessa una legge speciale per appropriarsi di $ 100.000 per l’acquisto di un tratto di terra che divenne la Foresta demaniale di stato Latour nella contea di Shasta. Un altro stanziamento per un importo di $ 600.000,00 presto seguito per l’acquisizione di terreni nella contea di Tulare. Dopo la dimostrazione della Mountain State Demonstration nella contea di Tulare, la legislatura statale ha codificato e promulgato le norme in base alle quali il Consiglio di Stato forestale e la Divisione forestale della California potevano acquisire, gestire e amministrare le terre della foresta demaniale.

Nel 1946 un “fondo d’acquisto” di $ 2.000.000,00 fu approvato dal legislatore. Da questo sono state acquistate le terre che costituiscono la Foresta demaniale di dimostrazione di Jackson. Diverse altre foreste statali sono state aggiunte al sistema da allora. Il sistema della foresta demaniale comprende ora otto unità per un totale di oltre 71.000 acri.

L’altra pietra miliare è stata la creazione di un programma di “campo d’onore” della prigione. Dalla formazione del secondo Consiglio di Stato forestale, la nozione secondo cui i detenuti dovrebbero essere usati per progetti di conservazione e protezione antincendio delle terre selvagge era stata promossa da individui diversi. Durante la seconda guerra mondiale, con una grave carenza di manodopera ora in vigore, i prigionieri selezionati furono prelevati da San Quentin e organizzati in squadre di riduzione del pericolo e di emergenza antincendio. Il successo di questa operazione ha aperto la strada all’introduzione di un sistema Youth Honor Camp. Nel 1945 furono fondati quattro di questi campi e fu approvato un accordo di cooperazione tra la California Youth Authority e la California Division of Forestry. Il CAL FIRE fornirebbe personale per supervisionare il lavoro sul campo e fornire addestramento al fuoco appropriato. L’autorità giovanile manterrebbe la custodia cautelare dei reparti. Il programma si estese presto alla popolazione adulta del Dipartimento della correzione della California e fu sviluppato un sistema di campi d’onore (in seguito ribattezzati campi di conservazione).

Oggi 85 milioni di acri di California sono classificati come “terre selvagge”. Circa 15 milioni di acri sono identificati come foreste preziose, di cui circa la metà è di proprietà federale. Nel 1945, il Forest Practice Act fu approvato dalla legge per regolamentare la raccolta di legname commerciale sulle terre non federali. L’atto è stato rivisto nel 1973 e contiene disposizioni che i piani di raccolta del legname per le operazioni commerciali devono essere preparati da professionisti forestali registrati. CAL FIRE amministra la legge e gli operatori di registrazione devono essere autorizzati dal CAL FIRE a operare su terreni non federali.