Fumogeni per la coreografia allo stadio: 15 intossicati.

I giganti olandesi dell’Ajax hanno subito un duro colpo di domenica perdendo 1-0 contro i campioni del PSV Eindhoven. A far notizia, però, è la sospensione della gara a 5 minuti dall’inizio, quando una spessa coltre di fumo ha riempito lo stadio.
Una nuvola di fumo nero ha costretto l’arbitro Kevin Blom a interrompere la partita allo stadio di Eindhoven.
Il gioco è ripreso poco dopo, ma foto e video dell’imponente nuvola di fumo sono stati ampiamente condivisi sui social media.

Una nuvola di fumo enorme partita tra il pubblico della partita PSV vs Ajax Eredivisie allo stadio Philips di Eindhoven di Domenica, ha causato 15 feriti. Le squadre di soccorso sono intervenute immediatamente poiché la situazione è degenerata in breve tempo. Il bilancio è drammatico ma poteva trasformarsi in una vera tragedia: 10 sostenitori, 4 steward e un amministratore sono stati ricoverati per problemi respiratori e bruciore agli occhi.

Secondo le agenzie, la coreografia prevedeva la comparsa di uno striscione attraverso il fumo, ad opera di un gruppo di sostenitori che stava protestando contro le nuove limitazioni negli stadi. Il fumogeno, è stato lanciato in uno degli angoli dello stadio, generando moltissimo di fumo. Gli spettatori del secondo anello in pochi secondi si sono ritrovati completamente avvolti dal fumo nero. Un fumogeno più piccolo è stato lanciato qualche minuto dopo, accompagnato dalle proteste degli stessi sostenitori. La partita è stata interrotta per alcuni minuti.

 

Una persona è stata arrestata. Secondo i media l’autore del lancio del fumogeno è un uomo di 35 anni ritenuto un sostenitore di PSV. Gli ufficiali di sicurezza del PSV lo hanno consegnato alla polizia di Eindhoven.

La società del PSV è furiosa per l’incidente e si occuperà di rintracciare i sostenitori responsabili: “Verificheremo i danni causati dagli autori e impediremo loro l’ingresso in qualsiasi stadio”, ha dichiarato Toon Gerbrands, direttore generale del PSV.