Interventi durante sparatorie in corso ed atti ostili: pubblicata la NFPA 3000.

È italiano e incensurato l’uomo fermato dalla Polizia come presunto responsabile degli spari segnalati in mattinata a Macerata.
Verso le 11 aveva iniziato a seminare il panico in città a bordo di un’Alfa 147, sparando per le strade della città, vicino alla stazione e in via dei Velini e via Spalato, la stessa zona, nota area di spaccio, in cui abitava il presunto colpevole del delitto della ragazza fatta a pezzi, Pamela Mastropietro.

Sono almeno sette i feriti segnalati, tutti stranieri, di cui uno in corso Cairoli, uno nei pressi della stazione. Finora 5 persone sono arrivate in pronto soccorso, una di queste si trova in sala operatoria.

I primi soccorritori sono intervenuti nel centro di Macerata quando la sparatoria era ancora in corso.

Esistono delle direttive per operare in scenari complessi come sparatorie o attacchi terroristici in corso?

Proprio il 31 gennaio la NFPA aveva pubblicato una nuova norma a seguito di un aumento di sparatorie e di cosiddetti “hostile events” (eventi ostili).

Un aumento degli episodi e l’impatto crescente degli eventi ostili ha spinto la National Fire Protection Association a elaborare la norma NFPA 3000, procedure per la preparazione e la risposta a sparatorie e / o a eventi ostili come standard provvisorio, il che significa che si rende disponibile all’applicazione intorno ad aprile 2018.

Lo standard fornisce i criteri minimi per il livello di competenza richiesto ai soccorritori che organizzano, gestiscono e sostengono un intervento con sparatorie in corso e un programma di preparazione e risposta agli eventi ostili basato sull’ordine d’azione in base al livello di rischio valutato nelle varie fasi delle operazioni.

Durante l’attacco al teatro Bataclan di Parigi, i soccorritori furono costretti a rimuovere i feriti dalla scena sotto il fuoco dei terroristi.

La norma include una revisione delle leggi, dei regolamenti, delle procedure standard e dei documenti di orientamento, oltre alle linee guida per la valutazione del rischio, i materiali di formazione, la pianificazione della risposta al malvivente, la gestione delle risorse, il personale e la formazione. Si applicherà a qualsiasi comunità, struttura e membro di qualsiasi organizzazione che risponda o si prepari ad intervenire in questo tipo di scenari.

“Gli eventi ostili stanno accadendo con maggiore frequenza e ferocia oggi. È fondamentale che adottiamo misure per proteggere le persone da questa crescente minaccia “, ha affermato il presidente della NFPA Jim Pauley. “Utilizzando la risposta unificata delineata in NFPA 3000, i primi soccorritori, i facility manager, i funzionari dell’ospedale e i membri della comunità possono minimizzare i rischi prima, durante e dopo questi incidenti devastanti.” Pauley ha aggiunto: “Stavamo chiaramente sentendo la necessità di un tale standard per chi opera in prima linea. Attraverso questo processo, siamo in grado di rispondere rapidamente per fornire un corpus di conoscenze critiche a coloro che si trovano di fronte a eventi così drammatici, in definitiva rendendo soccorritori e popolazione più sicuri”.

I soccorsi durante la strage di Utoya, in cui un estremista uccise a colpi di arma da fuoco decine di persone.

NFPA 3000 è attualmente disponibile per commenti e suggerimenti fino al 23 febbraio. Per ulteriori informazioni visitare: https://www.nfpa.org/codes-and-standards/all-codes-and-standards/list-of-codes-and-standards/ dettaglio? code = 3000