Philadelphia: 12 persone muoiono in un incendio appartamento, inefficaci i rilevatori di fumo installati.

Un tragico evento accaduto questa settimana a Philadelphia ricorda all’opinione pubblica e alle autorità l’importanza di adeguati sistemi di prevenzione incendi anche nelle civili abitazioni, in particolare l’installazione di rivelatori di fumo e calore nelle stanze soggette a rischio incendio. Ad un costo irrisorio, possono salvarsi vite umane ed evitare drammatiche cronache come quelle di questi giorni.

Un incendio in una casa a schiera di Philadelphia mercoledì mattina ha causato la morte di 12 persone, otto delle quali erano bambini, come riferito dai funzionari del Philadelphia Fire Department.

I funzionari della città hanno aggiornato il bilancio delle vittime diffuso mercoledì sera dopo che il Dipartimento dei vigili del fuoco di Filadelfia aveva inizialmente riferito che 13 persone, tra cui sette bambini, erano morte.

Altri due, tra cui un bambino, sono in gravi condizioni e sono stati trasportati in ospedale. Almeno otto persone sono state in grado di mettersi in salvo prima che le fiamme e i fumi avessero ragione sull’edificio.

I vigili del fuoco sono stati in grado di salvare un bambino dall’edificio, ma nonostante gli sforzi il bambino non è sopravvissuto.

È stato terribile“, ha detto il vice commissario dei vigili del fuoco Craig Murphy durante una conferenza stampa. “Sono in servizio da 35 anni ormai, e questo è stato probabilmente uno dei peggiori incendi a cui abbia mai assistito“.

L’ufficio dei vigili del fuoco del dipartimento dei vigili del fuoco di Filadelfia sta conducendo le indagini sulla causa dell’incendio.

Questo è senza dubbio uno dei giorni più tragici nella storia della nostra città“, ha detto il sindaco Jim Kenney durante la conferenza stampa. “Perdere così tanti bambini è semplicemente devastante“.

Dai primi rilievi sembra che l’incendio si sia innescato al secondo piano di un edificio a schiera di tre piani, probabilmente da una cucina.

Circa 26 persone vivevano nell’edificio, che era diviso in due unità familiari. Otto persone vivevano in un’unità tra il primo e il secondo piano, e 18 persone vivevano in un’unità tra il secondo e il terzo piano, che Murphy ha detto essere una “quantità enorme di persone“.

PHOTO: Philadelphia mayor Jim Kenney pauses while speaking at a news conference near the scene of a deadly row house fire, Jan. 5, 2022, in the Fairmount neighborhood of Philadelphia.
Matt Rourke/APMatt Rourke/AP: Il sindaco di Filadelfia Jim Kenney fa una pausa mentre parla in una conferenza stampa, il 5 gennaio 2022, nel quartiere Fairmount di Filadelfia.
PHOTO: Firefighters at work at the scene of a fire at a home in the Fairmount section of Philadelphia, Jan. 5, 2022.WPVI
WPVIWPVI: Vigili del fuoco al lavoro sull’edificio incendiato nel quartiere Fairmount di Philadelphia, 5 gennaio 2022.


I vigili del fuoco sono giunti sul posto poco prima delle 6:40, riferendo che il fuoco era sotto controllo 50 minuti dopo.

L’edificio era gestito dalla Philadelphia Housing Authority.

L’autorità edilizia della città ha dichiarato che l’edificio aveva sei rivelatori di fumo funzionanti nel maggio scorso. Parlando ai giornalisti, il vicepresidente esecutivo per le operazioni di alloggio presso l’autorità per gli alloggi di Filadelfia Dinesh Indala ha riferito che gli ispettori dell’autorità per gli alloggi hanno visitato l’edificio il 5 maggio dell’anno scorso, smentendo voci di eventuali malfunzionamenti al sistema di rivelazione incendi.

I vigili del fuoco, al contrario, hanno riferito che dei quattro rilevatori di fumo a batteria nell’edificio, nessuno funzionava. Secondo i funzionari dei vigili del fuoco, risulta un’ispezione effettuata nel 2019 per installare quattro rivelatori di fumo, mentre l’ultima ispezione è stata registrata nel 2020, quando sono stati installati altri due rivelatori di fumo.

Non so se sono stati sostituiti o manomessi. Non ne abbiamo idea“, ha detto Indala, aggiungendo che la PHA non era a conoscenza che 26 persone vivevano lì.

Siamo sotto shock totale. Tutti sono in lutto per la perdita. Stiamo solo cercando di scoprire chi c’è lì dentro, e stiamo lavorando con le famiglie in questo momento e con le autorità“, sono state le ultime parole alla stampa.

Fonte: Aaron Katersky e Will McDuffie di ABC News.